RESTIAMO IN CONTATTO

NeuroVision

Dott. Stefano Esposito

Optometrista - 02495970747

Via Eboli, 30, Lecce - 73100

389 1543270

neurovision@outlook.it

Proudly created with love by BriefMe

Cause della miopia: tuo figlio è a rischio?

September 13, 2017

 


I genitori, specialmente quelli miopi e che hanno dovuto indossare occhiali per tutta l'infanzia, sono spesso interessati e preoccupati circa le cause delle miopia, in modo da salvaguardare i propri figli. 
Il loro auspicio, è che i loro piccolini non siano condannati a diventare miopi come loro. 

 

Se questo ti suona familiare, prova a rilassarti e non preoccuparti troppo.

La miopia è un'ametropia molto diffusa, è facilmente trattabile sia con occhiali che con lenti a contatto (lac), e non è strettamente ereditaria!

 

Inoltre, la miopia generalmente non interessa le prestazioni scolastiche dei bambini e le varie attività correlate. Vi sono diversi studi che dimostrano che i bambini miopi, rispetto a quelli con visione normale (emmetropi), o con ipermetropia o astigmatismo, tendono a svolgere addirittura meglio l'attività scolastica. 

Che cosa causa la miopia nei bambini? 

Anche se l'esatta ragione per cui alcuni bambini diventano miopi rispetto ad altri non è ancora conosciuta, sembra che tra i diversi fattori vi sia una componente ereditaria; tuttavia non è l'unica! 

 

In altre parole, se entrambi i genitori sono miopi, c'è una probabilità maggiore che i loro figli lo siano. In ogni caso però, non si può prevedere se o chi lo sarà guardando semplicemente l'albero genealogico! La questione è molto più complessa. 


Conosco e ho valutato persone, con un' alta miopia, i cui genitori e i cui fratelli sono emmetropi (assenza di ametropia). Se la miopia avesse solo una componente ereditaria, come spieghiamo questi casi? 

Spesso mi è capitato di valutare due fratelli: uno fortemente miope e l'altro totalmente emmetrope. Il primo leggeva tanto, il secondo per niente! Solitamente è diffusa l'idea che chi svolge attività visive come la lettura in modo prolungato favorisce l'insorgenza della miopia.
Oppure chi legge o scrive o utilizza un dispositivo elettronico ad una distanza troppo ravvicinata aumenta la probabilità di diventare miope.
Qual è la cosa sbalorditiva?  A discapito della teoria malamente diffusa, il divoratore di libri tra i due fratelli, era quello emmetrope!!
Inoltre, se questa teoria è vera, provate a pensare agli studenti universitari. Sono tutti miopi?!  
Alcuni ricercatori lavorano molto su questa tesi; tuttavia non c'è nulla di certo, le variabili in gioco sono molte di più.

 

La causa o le cause della miopia rimangono ancora oggi un mistero. Molti ricercatori stanno lavorando su questo. Quello che di sicuro conosciamo oggi è qualcosa riguardante la progressione della miopia, molto interessante: gli occhiali convenzionali o le classiche lenti a contatto utilizzate e prescritte per anni per correggere / compensare la miopia, possono realmente aumentare il rischio di peggioramento della miopia! 

Molti di questi ricercatori stanno studiando nuovi design sia per le lenti oftalmiche che per le lenti a contatto, per vedere se possono sviluppare lenti che possano quantomeno stabilizzare o azzerare il rischio di aumento della miopia. [Per saperne di più, leggi come controllare la miopia]

 

Come ridurre il rischio di miopia nel tuo bambino? 

Questo che state per leggere vi sembrerà buffo, ma una delle cose più importanti che potete dire e far fare al vostro bambino è: vai fuori all'aria aperta a giocare.
Alcuni studi hanno dimostrato che trascorrere maggiore tempo all'aria aperta può aiutare a prevenire o ridurre la miopia nei bambini. 

  • Nello studio sulla miopia di Sydney, i ricercatori in Australia hanno valutato l'effetto del tempo trascorso all'aperto sullo sviluppo e la progressione della miopia tra i ragazzi di 6 anni e 12 anni selezionati casualmente da 51 scuole di Sydney. 
    Nello studio della durata di due anni, i bambini dovevano compiere dei compiti prossimali e dei compiti da lontano. Quest'ultimi era possibile svolgerli all'aria aperta.
    I ragazzi di 12 anni che hanno trascorso più tempo all'aperto avevano meno miopia alla fine del periodo di studio biennale, rispetto ad altri. 
    I bambini che invece hanno eseguito la maggior parte del lavoro da vicino e hanno trascorso la minima quantità di tempo all'aperto, hanno avuto un aumento della miopia con la media più alta!


     

  • In Taiwan, i ricercatori hanno valutato l'effetto dell'attività all'aperto durante la ricreazione sul rischio di sviluppo della miopia e della sua progressione, tra gli studenti delle scuole elementari.
    I bambini che hanno partecipato allo studio della durata di un anno avevano un'età compresa tra i 7 e gli 11 anni e sono stati reclutati da due scuole vicine situate in una zona suburbana del sud di Taiwan.


    Un totale di 333 bambini provenienti da una scuola è stato incoraggiato a uscire per le attività all'aria aperta durante la ricreazione, mentre 238 bambini dell'altra scuola non hanno partecipato ad un apposito "programma di ricreazione speciale all'esterno della scuola", definito come ROC.

    All'inizio dello studio non esistevano differenze significative tra i due gruppi di bambini rispetto all'età, al sesso e alla prevalenza di miopia (48% contro il 49%). Ma dopo un anno, i bambini della scuola che passavano all'esterno la ricreazione avevano uno sviluppo significativamente più basso della "nuova" miopia rispetto ai bambini che non uscivano fuori durante la ricreazione, (8,4% vs 17,6%).

    C'era anche una media minore di progressione miopica nei bambini che giocavano all'esterno rispetto a quelli che rimanevano all'interno: rispettivamente -0.25 Dt e -0.38 Dt all'anno. 
    Gli autori dello studio hanno concluso che le attività all'aperto durante la ricreazione nella scuola elementare hanno un significativo effetto protettivo sul rischio di sviluppare miopia tra i bambini che non sono ancora miopi ed inoltre riducono la progressione miopica tra i ragazzi miopi


     

  • In Danimarca, i ricercatori hanno pubblicato uno studio sull'effetto stagionale della luce diurna nello sviluppo della miopia tra gli scolari danesi.
    Il rischio di sviluppo della miopia è stato determinato dalla misura dell'allungamento assiale (anteriore-posteriore) degli occhi dei bambini in diverse stagioni. L'aumento della lunghezza assiale dell'occhio è associato all'aumento della miopia.

    La quantità di luce diurna cambia notevolmente con le stagioni in Danimarca:  da quasi 18 ore al giorno in estate a sole 7 ore al giorno nei mesi invernali.
    In inverno (quando i bambini avevano accesso a minori ore di luce diurna), la crescita media della lunghezza assiale degli occhi era significativamente maggiore di quella in estate, quando la loro esposizione all'aperto era più alta (0,19 mm vs 0,12 mm).

     

  • Nel Regno Unito, i ricercatori hanno valutato i risultati di otto studi scientifici ben strutturati, relativi all'incidenza del tempo trascorso all'aperto rispetto allo sviluppo e alla progressione della miopia tra 10.400 bambini e adolescenti.
    Per ogni ulteriore ora a settimana che i bambini trascorrono all'aperto, i ricercatori hanno calcolato un calo del 2% del rischio di sviluppare la miopia. 
    "Questo equivale a una riduzione del 18% per ogni ora aggiuntiva di esposizione al giorno", hanno affermato.
    "Rispetto ai bambini con visione normale (emmetropi) o ipermetropi, i bambini miopi hanno trascorso all'aperto una media di 3,7 ore in meno a settimana", hanno aggiunto.

    Nessuna particolare attività all'aperto era legata alla minore possibilità di sviluppo della miopia; contava soltanto essere all'aperto anziché in casa. Inoltre, non è stata riscontrata alcuna correlazione tra la presenza di miopia e una tendenza a fare più lavoro vicino, come ad esempio l'attività di studio.
    I ricercatori hanno concluso affermando che sono necessari ulteriori studi per determinare quali fattori correlati all'esterno sono più importanti. Le variabili possono essere tante: ad esempio l'uso della visione a distanza alternata a quella da vicino, o l'utilizzo minore della visione prossimale, l'attività fisica o l'esposizione alla luce naturale.
    Di sicuro sappiamo che l'attività all'aperto contiene tutte queste variabili. Singolarmente non sappiamo che peso hanno nello sviluppo della miopia, ma nel complesso sappiamo che risultati possono fornire.


     

     

     


    Considerando tutte le informazioni sopra scritte, direi che è auspicabile e premuroso incentivare e incoraggiare i vostri bambini a giocare e fuori e svolgere qualsiasi attività all'aperto.

    Oltre ai benefici inerenti al sistema visivo, si sviluppano tante altre abilità sociali che dei semplici tablet o smartphone non possono insegnare.
    Se dovete fare un regalo ai vostri figli, andate sul classico e preferite dei giochi che necessitano di spazio e che spronino ad uscire fuori i vostri bambini, magari giocando insieme a tanti altri loro coetanei.
    Il mio consiglio, è di limitare l'utilizzo di dispositivi elettronici come attività ludica principale e di dettare delle regole circa il loro utilizzo!

    E' inoltre fondamentale valutare non solo l'acuità visiva che è intaccata dalla miopia, ma tutte le altre abilità visive.
    E' fondamentale un controllo visivo approfondito verso il professionista di vostra fiducia.
    Il centro NeuroVision, Lecce, effettua valutazioni visive funzionali e percettive. E' possibile inoltre usufruire del Visual Training Optometrico e risolvere definitivamente ogni disfunzione visiva. E' importante valutare nei bambini le abilità visive percettive (come elaborano nel cervello quello che vedono) prima dell'inizio della scuola.

    La visione si apprende, la visione è motore.

    Per ulteriori informazioni, o per fissare un appuntamento chiama al numero 389 1543270 o scrivici a: neurovision@outlook.it, oppure compila il modulo qui in basso per essere contattato. 


     

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload